Prossimi Bitcoin Cash Hard Fork ha scambi di Crypto e aziende che si sentono miste

  • Bitcoin Cash dovrebbe essere sottoposto a un duro colpo di fortuna nel corso di questo mese.
  • In caso di rottura della catena, Trezor ha annunciato che sosterrà BCHABC sul Nodo BCH apparentemente più popolare.
  • La posizione di Trezor è in contrasto con altre società di crittovalute che permetteranno agli utenti di ritirare le monete create dalla forcella.
  • Volete saperne di più? Unisciti al nostro Telegram Group e ricevi segnali di trading, un corso di trading gratuito e comunicazioni giornaliere con gli appassionati di crittografia!

Satoshi Labs, il produttore dei portafogli hardware Trezor, ha annunciato che non offrirà un supporto immediato per una spaccatura della catena di blocco Bitcoin Cash che potrebbe verificarsi questo mese. L’azienda ha detto che non farà un’istantanea della blockchain della rete prima della data proposta per l’hard fork.

Nel frattempo, molte piattaforme di scambio si sono impegnate a sostenere un fork imminente. Tra queste, Binance, Huobi e l’ancora in difficoltà OKEx.

Bitcoin Cash Fork Causato da Developer Infighting

Dopo mesi di controversie nella comunità Bitcoin Cash, per quanto piccola, gli sviluppatori dietro a BCHABC sembrano pronti a biforcare la catena di montaggio il 15 novembre. L’obiettivo è quello di introdurre un pagamento automatico dell’8% per gli sviluppatori direttamente dai premi a blocchi.

Tuttavia, sembra che la maggior parte della rete sia contraria al cambiamento. I dati di Coin.Dance mostrano che più del 75% della rete Bitcoin Cash sta attualmente segnalando per la rete dominante non-ABC, Bitcoin Cash Node.

La nuova rete Bitcoin Cash Node non include il fondo di sviluppo. Senza il consenso della comunità, è probabile, come scrive Satoshi Labs nel post del blog Trezor di giovedì, che la controversia porterà ad un’altra versione di Bitcoin Cash.

Trezor a sostenere alla fine la catena BCH dominante

Il post specifica che il portafoglio hardware continuerà a supportare l’implementazione di BCHABC dopo il 15 novembre. L’azienda ha aggiunto che la forcella rigida può causare interruzioni del servizio.

Satoshi Labs dice che, in caso di rottura della catena, continuerà a monitorare entrambe le reti. Se un’implementazione concorrente dovesse ottenere un supporto sufficiente, l’azienda prenderà in considerazione l’aggiunta di un supporto sui portafogli hardware Trezor.

Allo stesso modo, se il Bitcoin Cash Node Bitcoin emerge come chiara preferenza della comunità, l’azienda „abbandonerà il supporto per il Bitcoin Cash ABC e si collegherà alla nuova rete“. Nonostante i primi segnali di predominio del BCH Node, Satoshi Labs aggiunge che potrebbe volerci un po‘ di tempo prima che emerga il consenso della comunità sulla scissione.

Dato il peso apparente dietro l’implementazione del Bitcoin Cash Node, compreso il contributo del promotore capo di BCH Roger Ver, molti nella comunità Bitcoin Cash sono stati critici nei confronti dell’annuncio di Satoshi Labs. Alcuni hanno sostenuto che l’introduzione di un fondo di sviluppo rende Bitcoin ABC il nuovo asset, non Bitcoin Cash Node.

Abbondanza di supporto per Split Elsewhere

Trezor non farà un’istantanea della rete e non permetterà agli utenti di reclamare le monete extra create durante lo split. Satoshi Labs dice che gli utenti che vogliono reclamare dovrebbero spostare il loro BCH in un portafoglio compatibile prima del 15 novembre.

Nel frattempo, molti importanti cambi di valuta criptata hanno promesso il supporto a qualsiasi divisione della catena di BCH. Binance e Huobi hanno già confermato che prenderanno un’istantanea della catena di blocco e accrediteranno gli utenti con le monete biforcute.

Nonostante i recenti problemi, anche OKEx si è impegnata a supportare qualsiasi nuovo asset digitale derivante dalla biforcazione. Prendendo una posizione leggermente diversa, FTX ha ragionato che permetterebbe agli utenti di rivendicare gli asset biforcati se la catena di minoranza mantenesse almeno il 10% del tasso di hashish.